ESA - Immagine della settimana: Salar de Uyuni (09 luglio 2017) (2)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

GEOmedia 1 2017 - ESA - Image of the week: "Salar de Uyuni". Traduzione: Gianluca Pititto

L’immagine mostra parte della Salar de Uyuni, in Bolivia: la più estesa salina al mondo (guardala/scaricala in alta risoluzione).

La grande Salar de Uyuni occupa un’area di circa 10 000 kmq e si trova sul limite meridionale dell’Altiplano, un elevato altopiano di drenaggio interno nelle Ande centrali. Circa 40 000 anni fa quest’area faceva parte di un gigantesco lago preistorico che finì prosciugato, lasciando emergere la pianura salata.

Il sale dalla pianura tradizionalmente è stato sempre raccolto dalla popolazione locale degli Aymara, che ancora predomina nell’area. Ma la salina di Uyuni è anche uno dei più ricchi depositi di litio al mondo, con una quantità di minerale stimata in circa 9 milioni di tonnellate.

Le forme geometriche visibile nell’immagine in alto a sinistra sono grandi bacini di evaporazione del impianto nazionale del litio, dove il bicarbonato di litio viene isolato dalla salamoia. Il litio viene utilizzato nella industria manifatturiera delle batterie e la domanda crescente ha incrementato in modo significativo il suo valore, specialmente per la produzione di batterie per le automobili elettriche.

Il territorio circostante appare rugoso se paragonato alla vasta pianura salina. Nella parte bassa a destra possiamo osservare il conoide alluvionale del delta del Rio Grande de Lipez.

Nel suo insieme la Salar de Uyuni è estremamente piana, con una variazione della elevazione superficiale inferior al metro. Questa circostanza rende quest’area ideale per la calibrazione dei radar-altimetri satellitari, un tipo di strumentazione radar che effettua misure di topografia superficiale. Entrambe i satelliti dell’ESA Cryosat e Copernicus Sentinel-3 trasportano a bordo radar altimetri.

Questa imagine è stata acquisita dal satellite Sentinel-2B del programma europeo Copernicus il 17 maggio 2017.