GEOmedia 4 2016 - Il lago di Poyang

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nell’immagine satellitare di questa settimana viene mostrato il lago di Poyang, che si trova nella Cina meridionale e costituisce il più grande bacino di acqua dolce della nazione. È situato più esattamente nella provincia di Jiangxi e realizza un habitat molto importante per la migrazione delle gru siberiane, della quale molti esemplari trascorrono proprio in quest’area la stagione invernale. Il lago ospita anche la specie invia di estinzione detta “focena senza pinna”, un mammifero d’acqua dolce noto per il suo elevato quoziente di intelligenza.

Nel timore che potesse raggiungere presto l'estinzione lo scorso anno la focena ha fatto notizia quando il governo cinese ha deciso di spostare 8 esemplari della specie dal lago di Poyang in due habitat più sicuri, con l’obiettivo di accrescerne la riproduzione negli anni a venire. Uno studio condotto su questo tema ha dimostrato che -senza interventi- il decremento della po- polazione porterà alla estinzione entro il 2025. Dal punto di vista della popolazione umana quella di Poyang è una delle più importanti regioni della Cina dove si produce riso, sebbene gli abitanti locali debbano fare i conti con consistenti cambiamenti sta- gionali nel livello dell’acqua. Scienziati del posto, in collaborazione con ESA attraverso il programma Dragon, hanno identificato un calo complessivo del livello dell’acqua nell’ultimo decennio, ma il fenomeno climatico noto come El Nino ha determinato all'inizio di quest’anno un incremento dei livelli di precipitazione che a loro volta hanno portato ad una crescita dei livelli idrici del lago. Le immagini radar di Sentinel-1 sono state utilizzate per monitorare l’evoluzione del lago, come nel caso dell’immagine che pubblichiamo, immagine ottenuta dalla com- binazione di due scansioni radar eseguite il 7 ed il 19 marzo scorso.
Questa immagine è anche disponibile presso l’Earth from Space video programme.
Credits: ESA. Traduzione: Gianluca Pititto